Sport e radicali liberi

Sport come la pallavolo richiedono molta energia, più energia si produce più radicali liberi si producono: è un

processo inevitabile, che però dev’essere controllato affinché non prendano il sopravvento. Infatti, l’eccesso di

queste molecole è fortemente dannoso in quanto aggrediscono le cellule provocando stress ossidativo che

diminuisce la produzione di ATP, deteriorano la membrana e il DNA fino a modificarlo e produrre cellule tumorali.

I danni dei radicali liberi contribuiscono anche al degrado delle cellule dei muscoli, aumentano il rischio di

contrarre malattie e il senso di stanchezza, di conseguenza comportano minore forza e resistenza. Quindi la

pallavolo, di per sé, ci fa male? No, gli effetti positivi sono più di quelli negativi se praticato con scrupolo e

associato ad una corretta alimentazione. Il pallavolista professionista può combattere i radicali liberi in eccesso

scegliendo alimenti a più alto contenuto di antiossidanti, cioè molecole che riescono a proteggere le cellule

disattivando l’azione dannosa dei radicali liberi. Tra gli antiossidanti più efficaci ci sono le vitamine A, E, C,

minerali come lo zinco e il selenio, i flavonoidi e polifenoli che svolgono una funzione protettiva per le

cellule, ed anche integratori di coenzima Q10, ecc..

Gli alimenti più ricchi di antiossidanti sono: frutti di bosco, kiwi, avocado, fragole, agrumi, uva rossa, melograno, verdure quali cavoli, carote, pomodori, peperoni rossi, frutta a guscio oleaginosa, cioccolata e germe di grano.

Anche i grassi polinsaturi come gli Omega 3 presenti soprattutto nel pesce, nelle noci e frutta a guscio oleoginosa, e monoinsaturi, nell’olio di oliva e di semi, ecc., hanno una funzione protettiva.

 

Vai all'elenco della categoria alimentazione
Categorie news
Ultime news
Poco sale per guadagnare salute
Leggi di più
Attenzione alla qualità degli alimenti
Leggi di più
Parliamo di verdure
Leggi di più
Contattaci per qualsiasi informazione
Marescotti Mario 389 8335935
Giuliano Zauli 349 3955653