Asma e sport

I progressi in ambito medico, sportivo e farmacologico hanno permesso la convivenza tra l’asma e una tranquilla attività sportiva. I benefici dell’attività fisica sul nostro organismo sono molteplici e riguardano la sua interezza (livello organico, metabolico, psichico ed endocrino). L’esercizio fisico può quindi essere uno dei migliori strumenti di prevenzione anche per asma e allergie. Sono considerati sport ad alto rischio, sia per le condizioni ambientali sia per la difficoltà d’intervento nel caso di un attacco asmatico, sport “estremi” come l’alpinismo, il deltaplano, il motociclismo e l’attività subacquea. La maggior parte degli studi sperimentali hanno inoltre dimostrato che la corsa è l'attività che più di ogni altra favorisce gli attacchi d’asma, seguita da ciclismo, canottaggio, sport di squadra, scherma e ginnastica.
Il nuoto , invece, è uno sport a basso rischio grazie all'ambiente delle piscine, che è caratterizzato da temperatura media superiore ai 25 °C, elevata percentuale di umidità in luogo chiuso con meno inquinanti nell’aria.
In ogni caso, si consiglia un preriscaldamento prolungato (almeno 10 minuti), prima di intraprendere l’attività sportiva e ridurre gradualmente lo sforzo prima di terminare l’esercizio fisico. Il preriscaldamento non deve essere particolarmente intenso. Un allenamento intermittente, con l’esecuzione, durante la fase di preriscaldamento, di sprint brevi, anche di intensità crescente, intercalati da altrettanti identici periodi di recupero, induce la refrattarietà alla broncocostrizione. Infine, un allenamento con carichi di lavoro adeguati (2-3 sedute settimanali di intensità non superiore al 70-80% del carico massimo) serve ad aumentare la massima capacità lavorativa, ad elevare la soglia anaerobica e a ridimensionare il livello di ventilazione polmonare per un determinato sforzo.

Vai all'elenco della categoria articoli
Categorie news
Ultime news
Coronavirus, intervista esclusiva al Covid-19 (interpretato dall’infettivologo Stefano Vella)
Leggi di più
Manovra di Heimlich: vittima un bambino piccolo
Leggi di più
Oggi parliamo di Covid-19
Leggi di più
Contattaci per qualsiasi informazione
Giuliano Zauli 349 3955653
Per diete personalizzate
Gaia Nonni 320 5678266