Tipi di diete

Per decenni, alcuni gruppi di popolazione sono stati identificati con un certo tipo di dieta e/o stile di vita. Questi gruppi possono essere suddivisi principalmente in vegetariani e onnivori. Tuttavia, all'interno di questi

gruppi esistono anche diversi gradi di vegetariani, così come alcuni comportamenti specifici all'interno della popolazione onnivora.

Diete vegetariane

Sembrerebbe che il termine vegetariano debba riferirsi a una dieta al 100% a base vegetale; tuttavia, l'Unione Vegetariana Internazionale afferma che "il vegetarianismo è definito come una dieta composta da alimenti a base vegetale con o senza latticini, uova e/o miele". Pertanto, il vegetarianismo ha diversi gradi a seconda del tipo di alimento che limita, differenziandosi tra ovolatto- vegetariani, latto-vegetariani, ovo-vegetariani, vegetariani rigorosi e vegani (che si spingono a un livello superiore rifiutando l'uso di qualsiasi prodotto animale non alimentare). Vale anche la pena ricordare e tenere presente che esistono termini comunemente usati in modo improprio che cercano di definire un altro tipo di "vegetariani": quelli che si concedono alcuni alimenti come il pesce. Ma in realtà, e secondo la definizione di vegetarianismo, non è né appropriato né corretto includerli in questo gruppo di popolazione. Tra questi vi sono: flexitariani, pescovegetariani, macrobiotici o fruttariani (diete basate su frutta fresca e secca, noci, semi e alcune verdure. Alimenti che non uccidono la pianta di origine).

Diete Onnivore

Nel caso delle diete onnivore, si può anche osservare che esistono gruppi di persone che limitano alcuni tipi di alimenti, mangiano solo in determinati momenti della giornata, consumano determinati macronutrienti, ecc. Tutte queste strategie sono spesso utilizzate per migliorare i parametri di salute o ottimizzare le prestazioni. Tra le tecniche utilizzate vi sono il digiuno intermittente, la dieta Paleo, la dieta mediterranea, la dieta a basso contenuto di carboidrati e la dieta chetogenica. Questi tipi di diete sono caratterizzati dal consumo di tutti o quasi tutti i gruppi alimentari.

• Digiuno intermittente: Il digiuno è definito come l'astensione totale o parziale dal cibo o dalle bevande. Esiste da tempo immemorabile ed è uno dei rimedi più antichi e naturali della storia umana. Fa parte di quasi tutte le religioni e le culture. In origine il digiuno era presente nella vita dei cacciatoriraccoglitori del Paleolitico. A causa del loro stile di vita, non c'era sempre una sovrabbondanza di cibo, il che significava che potevano passare molte ore o addirittura giorni prima che avvenisse una caccia e che il cibo tornasse disponibile. Al giorno d'oggi, invece, il digiuno viene praticato consapevolmente e volontariamente: si tratta di ridurre la finestra alimentare durante il giorno (anticipando l'ora del pasto serale e ritardando quella del primo pasto della giornata). Le forme più comuni sono: digiuno di 12 ore (cena prima delle 20:00 e niente cibo fino alle 08:00), digiuno di 16 ore (ultimo pasto prima delle 18:00 di sera e ritardare la colazione fino alle 10:00), digiuno di 24 ore (colazione e niente cibo fino al giorno successivo alla stessa ora), quest'ultimo non è consigliato per più di due giorni a settimana.

• Dieta paleo: detta anche dieta evolutiva, si basa sugli alimenti che facevano parte della dieta umana durante il Paleolitico. Un periodo iniziato 2,5 milioni di anni fa e terminato 10 000 anni fa con l'inizio della rivoluzione agricola che ha dato il via al Neolitico. Questo tipo di dieta si basa più su ciò che non si mangiava che su ciò che si mangiava. 

• Dieta mediterranea: modello o schema alimentare seguito dai Paesi della regione mediterranea. La dieta si basa su un elevato consumo di verdure, frutta fresca, noci, legumi e cereali integrali. In termini di alimenti  roteici, oltre ai già citati legumi, la dieta si basa principalmente sul pesce, su un minor consumo di uova e  atticini e su un basso consumo di carne. Tra le sue caratteristiche principali c'è l'uso dell'olio d'oliva come grasso da cucina e del vino rosso con moderazione durante i pasti. Con l'eccezione del vino, potrebbe  ssere considerata una delle diete onnivore più complete e salutari, poiché questo modello alimentare si basa su un elevato consumo di alimenti di origine vegetale, che forniscono nutrienti e sostanze fitochimiche con  portanti attività biologiche.

• Dieta low-carb/chetogenica: si basano su diete a basso o bassissimo contenuto di carboidrati, solitamente finalizzate alla perdita di peso. Le diete chetogeniche sono diete con un contenuto di carboidrati inferiore a 50-60 g al giorno. Tuttavia, per essere considerate chetogeniche, è necessario indurre uno stato di chetosi. Poiché un'elevata assunzione di aminoacidi glucogenici può impedire all'organismo di entrare in chetosi, le diete chetogeniche sono  olitamente composte da più dell'80% di grassi.

Zauli dr Gian Paolo

Vai all'elenco della categoria articoli
Categorie news
Ultime news
Oggi ci divertiamo con i colori
Leggi di più
Diete low carb
Leggi di più
Le vitamine forniscono energia?
Leggi di più
Contattaci per qualsiasi informazione
Giuliano Zauli 349 3955653
Per diete personalizzate
Gaia Nonni 320 5678266