COVID-19 e riapertura delle scuole: suggerimenti e consigli dei medici di famiglia

1. Alunno con febbre o sintomi COVID compatibili, a casa

2. Alunno con febbre o sintomi COVID compatibili, in classe

3. Personale scolastico con febbre o sintomi COVID compatibili,

a scuola

4. Alunno o operatore scolastico convivente di caso accertato

SCENARIO 1:

Alunno con febbre o sintomi COVID compatibili, a casa

In tale situazione, l’alunno deve restare a casa e i genitori devono comunicare l’as­senza scolastica per motivi di salute. I genitori informano anche il Pediatra o il Medico curante che, in caso di sospetto COVID-19, richiede tempestivamente il test diagno­stico e lo comunica al Dipartimento di prevenzione per l’esecuzione del test.

SCENARIO 2:

Alunno con febbre o sintomi COVID compatibili, a scuola

Il personale scolastico che viene a conoscenza di un alunno sintomatico deve avvi­sare il Referente scolastico per COVID-19 che avverte immediatamente i genitori. L’alunno dovrà indossare una mascherina chirurgica (se maggiore di sei anni) ed es­sere ospitato in una stanza dedicata dove sarà necessario procedere all’eventuale rilevazione della temperatura corporea, da parte del personale scolastico individua­to, mediante l’uso di termometri che non prevedono il contatto. Il minore non deve essere lasciato da solo ma in compagnia di un adulto che preferibilmente non deve presentare fattori di rischio e che dovrà mantenere, ove possibile, il distanziamento fisico di almeno un metro e indossare la mascherina chirurgica fino a quando l’alunno non sarà affidato a un genitore. I genitori devono contattare il Pediatra o il Medico curante per la valutazione clinica (triage telefonico) del caso.

A. Come si procede se l’alunno risulta positivo?

Se il test è positivo, il Dipartimento di prevenzione della Asl notifica il caso e la scuo­la avvia la ricerca dei contatti e le azioni di sanificazione straordinaria della strut­25

tura scolastica nella sua parte interessata. Il Referente scolastico COVID-19 deve fornire al Dipartimento di prevenzione l’elenco dei compagni di classe nonché degli insegnanti del caso confermato che sono stati a contatto nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi. I contatti stretti individuati dal Dipartimento di prevenzione con le consuete attività di tracciamento dei contatti, saranno posti in quarantena per 14 giorni dalla data dell’ultimo contatto con il caso confermato. Il Dipartimento di prevenzione deciderà la strategia più adatta in merito ad eventuali screening al per­sonale scolastico e agli alunni.

B. Come si procede se l’alunno risulta negativo?

Se il tampone naso-oro faringeo è negativo, l’alunno, a giudizio del Pediatra o Medico curante, ripete il test a distanza di 2-3 gg. L’alunno deve comunque restare a casa fino a guarigione clinica e alla conferma negativa del secondo test. In caso di dia­gnosi di patologia diversa da COVID-19 (tampone negativo), l’alunno rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del Medico curante che redigerà una attestazione che lo studente può rientrare scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19.

SCENARIO 3:

Personale scolastico con febbre o sintomi COVID compatibili,

a scuola

In tal caso, bisogna assicurarsi che il lavoratore indossi la mascherina chirurgica, invitarlo ad allontanarsi dalla struttura, a rientrare al proprio domicilio e a contat­tare il proprio Medico curante per la valutazione clinica necessaria. Il Medico valu­terà l’eventuale prescrizione del test diagnostico e lo comunicherà al Dipartimento di prevenzione della Asl che provvederà all’esecuzione del test. In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19, il Medico curante redigerà un documento volto ad attestare che il lavoratore può rientrare a scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19 previsto. Si sottolinea che gli operatori scolastici hanno una priorità nell’esecuzione dei test diagnostici.

SCENARIO 4:

Alunno o operatore scolastico convivente di un caso accertato

Si sottolinea che qualora un alunno o un operatore scolastico fosse convivente di un caso, esso, su valutazione del Dipartimento di prevenzione, sarà considerato contatto stretto e posto in quarantena. Eventuali suoi contatti stretti (esempio compagni di classe dell’alunno in quarantena), non necessitano di quarantena, a meno di succes­sive valutazioni del Dipartimento di prevenzione in seguito a positività di eventuali test diagnostici sul contatto stretto convivente di un caso.

Vai all'elenco della categoria articoli
Categorie news
Ultime news
ADHD: i benefici dell'esercizio fisico e dello sport. Cos’è l’ADHD e come affrontarlo - Parte 1
Leggi di più
ADHD: i benefici dell'esercizio fisico e dello sport. Cos’è l’ADHD e come affrontarlo - Parte 2
Leggi di più
ADHD: i benefici dell'esercizio fisico e dello sport. Cos’è l’ADHD e come affrontarlo - Parte 3
Leggi di più
Contattaci per qualsiasi informazione
Giuliano Zauli 349 3955653
Per diete personalizzate
Gaia Nonni 320 5678266