Come combattere le infezioni virali in maniera naturale

L’echinacea è stata usata per secoli dai nativi americani che con essa preparavano infusi (adesso più noti come tisane) per il raffreddore e l’artrite e impiastri da applicare su tutti i tipi di ferite. Dagli Stati Uniti l’echinacea è poi approdata in Europa (in particolare in Germania), dov’è tuttora frequentemente prescritta dai medici.
La sua efficacia, ovvero la capacità di migliorare la risposta del sistema immunitario alle infezioni, e la sua sicurezza, cioè l’assenza di effetti collaterali pericolosi, sono state comprovate da diversi studi scientifici.

Proprietà curative dell’echinacea

Moltissimi studi in vitro (su cellule) e in vivo (su animali da laboratorio) hanno confermato che l’echinacea agisce sul sistema immunitario tanto da indurlo a produrre sostanze (come ad esempio anticorpi, citochine, chemochine, ecc.) e a sviluppare tipi di cellule che hanno il compito di distruggere virus e batteri; in questo modo aumenta anche l’efficacia delle difese immunitarie quando l’organismo viene aggredito.
Anche se i risultati degli studi sull’uomo sono contraddittori (alcuni confermano l’efficacia dell’echinacea mentre altri la negano), complessivamente ci sono sufficienti conferme sulle proprietà curative di questa pianta. I suoi estratti, infatti, accorciano i tempi di malattia (minor numero di giorni di febbre ecc.) e riducono sia la necessità di assumere altri farmaci sia il numero di infezioni durante la stagione invernale. Questi effetti benefici, riscontrati anche sui bambini grazie ad altre analisi (in particolare uno studio clinico in cui l’echinacea è stata associata alla propoli, sostanza naturale prodotta dalle api), sono stati ottenuti utilizzando estratti concentrati della pianta, ovvero prodotti fitoterapici, mentre per quanto riguarda le forme omeopatiche (come ad esempio tinture madri, macerati glicerici e associazioni di più piante commercialmente definite echinacea compositum) non esistono studi scientifici che ne provino l’efficacia. Tinture madri e macerati hanno anche il difetto di contenere una certa quantità di alcol, motivo per cui non andrebbero usate sui bambini.

L’echinacea è priva di effetti collaterali importanti e ha poche controindicazioni. Può essere quindi somministrata al bambino sia in caso di malattie acute delle alte vie respiratorie sia per prevenire nuove infezioni, ma è comunque sempre meglio condividere la decisione con il pediatra di famiglia. I componenti dell’echinacea più importanti per il sistema immunitario sono i polisaccaridi e l’echinacoside, nomi importanti da ricercare sull’etichetta del prodotto per essere certi della sua qualità e del fatto che possa funzionare davvero. L’echinacea può inoltre essere assunta anche in gravidanza ma solo su consiglio del medico.

 

Vai all'elenco della categoria articoli
Categorie news
Ultime news
IL PADEL
Leggi di più
Chiarimenti e dubbi più frequenti sull’infezione da COVID-19
Leggi di più
LA GESTIONE DELL'ATTIVITÀ FISICA NEI BAMBINI CELIACI
Leggi di più
Contattaci per qualsiasi informazione
Giuliano Zauli 349 3955653
Per diete personalizzate
Gaia Nonni 320 5678266